Cannabis: e se la trattassimo come l’alcol?

Credits: Tony Webster (CC BY 2.0)
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone
Print Friendly

Zero. Cento. Quattromila.
Sono il numero di morti provocati ogni anno in Italia, in ordine sparso, da eroina, alcol e cannabis.
Ora, prima di andare avanti nella lettura fate una prova: associate il dato alla sostanza che credete responsabile. Tra poco scoprirete se avete indovinato.

In Italia consumare e possedere marijuana è ancora illegale.

Uno degli argomenti che più spesso si sente pronunciare a sostegno delle politiche proibizioniste è la pericolosità della sostanza. Una condanna ideologica, rea di aver condizionato le politiche degli ultimi decenni, portando in carcere migliaia e migliaia di persone, spesso per reati non violenti e di alcuna pericolosità sociale. Una direzione netta, percorsa senza tener conto delle evidenze scientifiche e statistiche, che ha avuto la colpa di ostacolare anche le possibilità di ricerca scientifica sui benefici della cannabis a scopo terapeutico. Che ha indotto gli Stati a spendere montagne di denaro pubblico nelle politiche di repressione (polizia, tribunali, carceri) disinvestendo su quelle di prevenzione e di riduzione del danno.

C’è stato un momento in Italia in cui – con la legge Fini-Giovanardi – si è arrivati a classificare la cannabis al pari di altre droghe ben più pericolose: cocaina ed eroina, con quest’ultima che causa ogni anno oltre 100 morti l’anno. Eppure la cannabis di morti ne fa e ne ha sempre fatti zero, almeno da quando si registrano queste statistiche. E non ha fatto morti nonostante gli alti consumi. Secondo l’Istat, nel 2013 sono state oltre 6 milioni le persone a consumarla, compresi un terzo dei giovani tra i 15 e i 19 anni.

Dinanzi a questi dati può non cadere la pretesa proibizionista, ma certamente decade l’ipotesi di equipararle che, in effetti, è venuta meno anche da un punto di vista legislativo, quando, nel febbraio 2014, una sentenza della Corte di Cassazione ha abrogato la Fini-Giovanardi. Ma sarebbe quantomeno sbagliato fermarsi al paragone tra eroina e cannabis senza allargare la questione ad altre sostanze psicoattive. Un errore che, volutamente o meno, è sempre stato fatto nel corso degli anni. C’è infatti un’altra sostanza pericolosa e letale e che, nonostante questo, è legale quasi ovunque (e dove non lo è questo si deve più a questioni religiose che ad altri fattori). Lo avrete capito, parliamo dell’alcol.

L’alcol è causa di oltre 200 malattie e patologie e ogni anno nel mondo provoca la morte di oltre 3 milioni di persone. Il 5,9% dei decessi globali è legato al suo utilizzo. La sola Italia contribuisce a questa terribile statistica con oltre 4.000 decessi l’anno. Sappiamo inoltre che è la prima causa di disabilità e mortalità prematura per i giovani. L’alcol può portare inoltre alla dipendenza e il suo consumo incide su un alto numero di incidenti stradali. In Italia oltre il 13% è legato alla guida in stato di ebbrezza.

Ma nonostante questi numeri così drammatici nessuno si è mai sognato di proibirlo.

E non bisogna essere ipocriti. Chi si potrebbe augurare che ciò avvenga? A molti piace bere, anche solo una birra stando a casa sul divano, in spiaggia al tramonto, al bar con gli amici. In tantissimi – ce lo dimostra l’unico esempio di proibizionismo del mondo occidentale, quello degli Stati Uniti durante gli anni ‘30 – continuerebbero a consumare alcolici anche se fossero resi illegali, con rischi crescenti per la salute. Rischi dovuti all’impossibilità di controllare la qualità del prodotto o al fatto che la criminalizzazione spinge le persone a tenersi alla larga dalle strutture sanitarie – anche se utilizzandolo si andasse incontro a problemi di salute – per paura di incappare nelle maglie della legge.

Gli Stati ne hanno preso consapevolezza  e,  almeno sull’alcol, non sono stati ipocriti, decidendo di percorrere una strada precisa: hanno regolamentato la sostanza (cosa che consente, per l’appunto, adeguati controlli di qualità), hanno creato campagne informative per prevenirne l’abuso e, dinanzi a una dipendenza, hanno previsto appositi protocolli medici e sanitari.

Nonostante il numero di morti, nonostante le patologie che provoca, nonostante i rischi ad esso connessi, nessuno finisce in carcere per aver l’alcol. E riteniamo sia giusto così.

Però,  ci chiediamo, perché non fare lo stesso con la cannabis?
E lo chiediamo in primo luogo ai Parlamentari e ai rappresentanti del Governo che sul tema preferiscono ancora farsi guidare dall’ideologia anziché da dati, statistiche ed evidenze scientifiche.
Perché dunque non legalizzare la cannabis?
Sarebbe la scelta più sicura per i giovani e per la società.