Macerata: attaccata la sede di GUS, organizzazione che lavora coi migranti

attacco gus
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone
Print Friendly

Un fatto gravissimo che va condannato con fermezza quello accaduto ieri a Macerata dove, una o più persone, hanno attaccato la sede di GUS-Gruppo Umana Solidarietà, associazione che si occupa dell’accoglienza e l’integrazione dei migranti nella città marchigiana, e che fa parte della nostra Coalizione.
A poco più di 20 giorni dalla tentata strage ad opera di Luca Traini, assistiamo ad un altro gesto intollerante e intimidatorio di matrice razzista e xenofoba. Nell’esprimere solidarietà agli operatori di GUS, ci siamo rivolti anche al ministro dell’Interno perché intervenga con decisione affinché gli stessi operatori e i migranti ospitati possano continuare nel loro lavoro e nel loro percorso di integrazione, senza paura di rimanere vittima di atti che ne possano mettere a rischio l’incolumità.

Una delle vittime della tentata strage dello scorso 3 febbraio, Wilson Kofi, era in accoglienza in uno dei progetti di GUS. Marta Consentino e Emanuele Satolli lo avevano intervistato per Open Migration qualche ore dopo la sua uscita dell’ospedale.

GUS, Gruppo Umana solidarietà “Guido Poletti” è un’organizzazione non governativa italiana che ha come principali ambiti di lavoro l’accoglienza e il sostegno concreto a coloro che fuggono da guerre e persecuzioni e arrivano in Italia in cerca di protezione internazionale. Operano a favore dei migranti, rifugiati, richiedenti protezione internazionale e asilo, per la tutela dell’infanzia e la promozione dei diritti umani. Si occupano anche di cooperazione attraverso progetti di sviluppo e interventi di emergenza in Africa, America Latina e Asia, di educazione alla cittadinanza mondiale, di integrazione, formazione e volontariato.